La Madonna in Campagna



Per l'indagine sulle origini della chiesetta si deve necessariamente partire dall'eccellente lavoro di Giani (1) che ha recuperato alcuni atti notarili inediti dai quali emergono interessanti riferimenti alla toponomastica ed alla presenza di un "gesiolo".
Venerdý 8 agosto 1561 dei fratelli Lualdi divisero un appezzamento sito in "Longurio ad gexiolum".
L'11 agosto 1569 vi fu una vendita in luogo chiamato "in Longurio ad Gexiolam".
Il 15 febbraio 1642, altra retrovendita relativa a terreno in luogo "al Gesiolo in Long¨".
Ve ne Ŕ infine un quarto datato 4 marzo 1690 che riferisce il medeismo toponimo.
Anzitutto si chiarisce che il termine, tuttora in uso, di "Long¨" deriva dal latino Longorius-ii che sta a significare lungo palo.
Se ne deduce che in quel luogo esisteva un tempo un bosco con alberi di alto fusto dai quali si ricavavano - appunto - lunghi pali o "longorii".
Il termine "gexiola" Ŕ la latinizzazione del dialettale "gesi÷", ossia, cappelletta, piccolissima chiesetta.
Si trattava sostanzialmente di una delle numerose cappellette che per secoli si eressero - specie nei bivi - lungo le strade principali che collegavano i paesi fra loro. E la Madonna in campagna si trovava appunto lungo la strada che da Sacconago portava a Lonate/Ferno.
Ai tempi era aperta campagna. Che non si trattasse di una chiesa ma solo di una semplice cappella di campagna o dimostra il fatto che il Cardinal Borromeo, in visita a Sacconago nel 1582, menziona unicamente la parrocchiale e la chiesa di San Donato, mentre il Pozzobonelli, nel 1753, riporta anche la 'Beata Vergine Maria in campagna".
Fu infatti solo nel 1702-1703 che si decise di costruire un qulcosa di pi¨ significativo.
Il 13 marzo 1704 il card. Archinto invi˛ in Sacconago il vicario foraneo mons. Curioni a che benedicesse l'oratorio "ultimato di recente". Si dice che era decentemente costruito e provvisto del necessario per celebrar messa.
La benedizione avvenne il giorno di Pasqua, 23 marzo 1704. Parroco: Stefano Custodi. Singolarmente presente anche il console di Busto Arsizio, a significare che l'evento ebbe una certa risonanza.
La si chiam˛ col titolo di 'Santa Maria dei sette dolori'. Dal resoconto delle disposizioni che diede, emergerebbe un uso decisamente occasionale.
L'edificio, in origine non consacrato, ma soltanto benedetto, venne decorato con un dipinto della PietÓ. Come sempre, abbiamo una descrizione minuziosa fatta dal Card. Pozzobonelli, in occasione della visita del 1753:
Volta a botte, pavimento di mattonelle, pareti intonacate e imbiancate all'interno, una porta nella facciata e due finestrelle ai lati. Sulla parete di fondo, il dipinto della Madonna che regge il corpo di Cristo morto.

Si dice, nel medesimo resoconto, che sul lato sinistro della facciata vi era una campana retta da pilastri in mattoni. L'attuale portico, antistante la facciata, non viene menzionato e pertanto si potrebbe desumere che venne realizzato in seguito, anche se - sul piano strutturale - i restauri hanno lasciato intendere una sostanziale unitarietÓ ed omogeneitÓ fra chiesetta e portico.


L'affresco
L'autore Ŕ ignoto e l'immagine Ŕ semplice e intuitiva, come richiedeva l'affezione popolare del tempo.
Primeggia(va)no la figura della Madre e del Figlio, nel classico atteggiamento della "PietÓ", con, sullo sfondo, un desolato paesaggio dal quale si staglia(va) il Golgota con le tre croci vuote.


(L'affresco prima e dopo i restauri)


Durante i restauri voluti dal parroco Don Luigi Caimi si Ŕ per˛ scoperto che "sotto" questa figura ne era custodita una diversa, concettualmente ancor pi¨ semplice ma certamente pi¨ suggestiva. Non vi Ŕ alcuno sfondo, solo un drapppo che raccoglie e isola il dolore della Madre per la morte del Figlio, quasi in un gesto di pudore.
Si tratta certamente di dipinto risalente al XV secolo e quindi Ŕ agevole retrodatare la prima "gesiola" ben al di lÓ di quanto consentono le carte notarili, almeno fino, appunto, al '400.

Sono documentate speciali sessioni di preghiera per siccitÓ nel 1914 e 1928, cosý come Ŕ documentato che nella notte fra 19 e 20 marzo 1938 venne perpetrato un furto sacrilego.
Il campanile attuale venne edificato solo nel 1950, a seguito del dono della campana fatto dagli abitanti delle cascine vicine.
Da secoli Ŕ costante la festa primaverile che fino a tutto il primo novecento fu solo religiosa e da numerosi lustri anche accompagnata da giochi, musica e sonore grigliate.
Recenti "rinnovamenti" urbanistici e viabilistici hanno reso questa raccolta chiesetta l'orpello di una sconsiderata viabilistica che ha cancellato la millenaria strada che passava tangenziale alla chiesetta, mediante robuste colate di pi¨ prosaico asfalto, il tutto nella pi¨ totale mancanza del rispetto per la storia e l'arte.


(Affreschi della parete sinistra)



(Affreschi della parete destra)



(L'interno della chiesetta)



(1) Ezio Maria Giani: Gli oratori di San Donato, Sant'Eurosia e Madonna in Campagna in Sacconago, aprile 1988

Riflessioni di Ginetto Grilli

Indice generale su Sacconago