Natal a cuarant’ann

Ul Signúi da dümila ann al nassi
par fam’ dientá püssé bon:
ma nön a sigütam a daghi trá non
e sèm propi senza có.

Natal l’é, in tütu ul mondu:
par nön ch’a gh’hèm tüscossi
e pa’ ‘l terzu mondu
ch’al g’ha nanca i ossi.

Da Natal n’hu passá scuasi cuaranta:
ma che bèi Natal chi d’una völta!
Mo ti se corgi che l’é Natal parché gh’é i lüminéi in Baséga
però, gh’é pü chèl candúi ch’al ta féa speá e anca pregá.

I Natal pèna dopu dáa guèra
cunt i regái che ti spicéi tütu u ann
e che dumá ul Bambén ti u féa prezá.

I bei taulái cunt i nostar vègi, ul capón, ul lessu,
e a puesia dul püssé piscinén
ch’al ma diséa a tüci: “vuèssi bén.”

Ul Natal da muúsi
cunt i regái preziúsi;
dananzi al Bambén i pröm basìti
ma déan forza e curagiu
par fá chell passu.

Mo a cuarant’ann
sum chi tenme un fiö
dananzi al Signui, e par tüci vióltar
ga cercu tri piasé:
pási, lauá e cuatar dané.


Natale a 40 anni

Il signore da duemila anni nasce
per farci diventare più buoni:
ma noi continuiamo a non dargli retta
e siamo proprio senza testa

Natale è, in tutto il mondo:
per noi che abbiamo tutto
e per il terzo mondo
che non ha nemmeno le ossa

Di Natali, ne ho passati quasi quaranta:
ma che bei Natali quelli di una volta !
Adesso ti accorgi che è Natale perche ci sono le illuminazioni in San Giovanni
però, non c'è più quel candore che ti faceva sperare e anche pregare.

I Natali appena dopo la guerra
con i regali che aspettavi tutto l'anno
e che solo il Bambino ti faceva apprezzare.

Le belle tavolate co i nostri vecchi, il cappone, il lesso,
e la poesia del più piccolo
che ci diceva, a tutti: "voletevi bene".

Il natale da fidanzati
con i regali preziosi;
davanti al Bambino i primi bacetti
mi davan la forza e il coraggio
per fare quel passo.

Adesso a quarant'anni
son qui come un bambino
davanti al Signore, e per tutti voi
gli cerco tre favori:
pace, lavoro e quattro soldi.


Alfredo Solbiati