Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Sa = Si (particella riflessiva: A sa vedi non: non si vede)
Sa = Se (congiunzione: Al so non sa al vá a messa: non so se va a messa
Sa = Cosa (Abbreviazione di cusé). Introduce genaralmente una interrogativa: Sa al gh'á = cosa ha ?
S’an = Se ne. Cosa ne (interrogativa: S’an disi?: cosa ne dice?
Sa á = Sale. In bustocco è femminile, non maschile: a sá.
Saa aá = 1) Verbo: Salare 2) Agg.: salato
Saaoa ó = Saprò. Forma arcaica: oggi si dice: saao ó.
Saasen é = Antico gioco consistente nel lanciare frecce con un archetto di salice (saasu áa).
Saaseta è = Razzetto, consistente in un bastoncino che, una volta acceso, parte come un razzo.
Saasu áa = Salice.
Sabatu sá = Sabato.
Sabeta è = Chiacchierina (in genere usato per bimbe o ragazze giovani)
Sabeta á = Pettegolare
Sabia = Sabbia
Sabien é = Sabbiolina fine usata per asciugare l'inchiostro delle penne d'oca di un tempo.
Sabo ó = Zoccola di legno chiusa
Sacadagata gá = Conciatore di pelli di animali domestici
Sacogia ò = Tasca
Sacramenta tá = 1) Verbo: sacramentare, imprecare 2) agg.: Mal ridotto.
Sacramentu è = Imprecazione. Letteralmente: Sacramento ! Usato in forma contratta: Cramenzu !
Sacramesca scá = Agg: Tribolato
Sacranon! ó = V.: Sacramentu. Abbreviato: cranon ó.
Sacrina ná = Rodersi, prendersela
Sacripanti à = Scavezzacollo
Sacu á = Sacco.
Sacubusu bü = Lett.: sacco buco. Cosa (o persona) che non vale niente
Sae é = Sapere.
Saen é = Sereno.
Saeta è, -i = Fulmine,-i. Anche in senso figurato: veloce
Saetaa = Fulmine potente
Safran án = Zafferano.
Safranon ó = Cartamo,usatonella tintura del cotone per avere toni rosa.
Sagia giá = Assaggiare.
Sagui í, -ía = Saporito,-a.
Sagui ü = Sazio,-i.
Sai à = Saputo,-i. Savio,-i.
Saia sá = 1) Savia, tranquilla. 2) Tessuto di saglia
Saioti = Singulti.
Salam lá = 1) Salame 2) Fig.: impacciato che cade per nulla 3) Fig.: ingenuo che si fa imbrogliare
Salamen é, = Salamino, salamella
Salmana má = Settimana.
Salta tá = Saltare.
Saltadui = Grassatore.
Saltafossi ó = Stratagemmi (per scovare le menzogne)
Saltafossu ó. = Astuto
Saltamarten é = 1) Saltamartino. 2) Fig.: bambino vispo.
Saltamentu é = 1) Ambiguo (persona) 2) Esclamazione (assimilabile al "perbacco")
Saltastrai ái = Grassatore. Assaltatore.
Saltu = 1) Salto 2) Fig.: veloce trasferta
Saluda üdá = Salutare.
Saludu lü = Salutato.
Saludi ü! = Saluti !
Saluti ü = Salute.
Salvazion ó = Assoluzione data dal confessore
Salza = Salsa.
Salzu = Rossore del viso dovuto a couperose.
Sambrugu brü = Sambuco.
San = Sano.
Sanatu ná = Privo di ambizioni ai beni materiali
Sancarlen é, -líti = Erba infestante, detto crisantemo selvatico.
Sanfasan sá = Trasandato, senza cura
Sanghi = Anticamente: Sénghi. Sangue
Sanguanentu = Sanguinante.
Sangueta è = Sanguisuga. Mignatte.
Sanguis = Tramezzino. Storpiatura di sandwich.
San Marten é = Trasloco (che avviene il giorno di San Martino).
Sansen é = Letteralmente: San Seno. Indica pagamento mai avvenuto (era santo inesistente, quindi: si pagava a Sen Seno = mai)
Santalessu = Finto tonto, colui che intriga con aria da santarello
Sante é = Sentiero.
Santu = Santo.
Saoa ó = Sarò. Vedi saaoa ó.
Saon ó = Sapone.
Saotu ó = Singhiozzo.
Sapa sá = Zappa.
Sapon ó = Piccone. Piccozza.
Saputu pü = Saccente.
Saracu rá = 1) Salacca (merluzzo salato) 2) Bestemmia.
Sardela è = Piccoli pesci sotto sale
Sarpenti é = Serpente.
Sartu ú = Sarto.
Sarvieta è = Salvietta.
Sassen è, -iti = 1) Sassolino, - i. 2) Assassino, -i.
Sassu (s) = Sasso.
Satagna tá = Ammaccatura nel muro
Satanassu ná = 1) Indiavolato, indisciplinato. 2) Indica persona che ti salta addosso
Saten è = Tessuto di cotone che imita la seta
Sauneta è = 1) Saponetta. 2) Effeminato.
Sausu üsu = 1) Avaro, usuraio 2) Cane segugio
Savigu í = Contrada di Busto corrispondente all’attuale via Montebello.
Sbaagia giá = Sbadigliare.
Sbaagiu aá = Sbadiglio.
Sbaata tá = Spalancare energicamente
Sbambua buá = Amorbidire, render soffice
Sbandea deá = 1) Verbo: Sbandierare 2) Agg.: sventato.
Sbanfa fá = Ansimare.
Sbarbata tá = Sbattere in modo agitato
Sbarbatel è = Sbarbatello.
Sbarbela è = Mento. Vedi: Barbèl
Sbarbelatu lá = Parlatore. Anche: Barbelatu
Sbarbuzza zá = Colpire con pugni al mento. Vd.: barbuzzaa áa
Sbarlugia giá = Sbirciare
Sbarlusi üsí = Luccicare
Sbassa sá = Abbassare.
Sbati. = 1) Sbattere 2) Gettare
Sbaton ó = Risciacquo (in genere: dei panni)
Sbatu ü = 1) Sbattuto 2) Abbacchiato
Sbatuela üè = Dolce ottenuto con farina lette e uovo sbattuti e fritti
Sbazula lá = Spazzolare (inteso come vuotare il piatto in modo rapido e avido)
Sbegasciu á = Impiastro, Pasticcio (riferito a disegno o scritto mal riuscito)
Sbergna á = Far boccacce, stortar la bocca
Sbergnon ó = di persona: bocca storta. Fig.: schizzinoso
Sberla è = Schiaffo.
Sbiai í = Sbiadito, scolorito.
Sbianchen é = Imbianchino.
Sbiancu ú = Candeggiatore.
Sbiessa è = 1) Sbieca, storta. 2) Mezzaluna
Sbiessu (ès) = Sbieco, traverso.
Sbilandron ó = Lazzarone
Sbircia à = Sbirciare, adocchiare (con antipatia o risentimento).
Sbirula á = 1) Smollarsi, lasciarsi andare. 2) Far qualcosa di sbilenco
Sbischizia á = Disincapricciare. Eliminare la causa del dispetto, dell’irritazione. Vedi: bischizia á
Sbiucon ó = Povero (così povero da non possedere quel che indossa)
Sbiuta á = 1)Denudare. 2) render senza averi Vedi: biutu biú.
Sbora = 1) Linfa delle piante 2) sperma
Sborgna á = Guardare con occhi socchiusi.
Sbrafui ù = 1) Spruzzi di saliva emessi parlando
sbrafuion ó). = 1) Colui che si sbava addosso parlando 2) Piccoli grumi di farina formatisi durante la cottura della polenta.
Sbraga gá = Colui che si veste senza abbottonarsi correttamente (sbragato)
Sbragia giá = 1) Parlare ad alta voce. 2) Gridare in tono quasi minaccioso.
Sbragian án (à) = Persona che urla agitando minacciosamente le braccia. Riferito di solito a persona comunque non pericolosa. Fig._ Sbruffone
Sbrendinèl èl = Vedi. brendinel èl
Sbrindela á = Lacero, stracciato, sdrucito.
Sbrufa á = Spruzzare. Bruffare.
Sbrufaa áa = Spruzzata.
Sbrufadua dúa = Macchina spruzzatrice.
Sbrugiu rü,-a = Ruvido,-a. Pungente.
Sbruia á = 1) Scottare con l’acqua, sbollentare. 2) Sbrogliare
Sbruientu é = Bollente. Scottante. (Vd.: Imbrughentu)
Sbruta ütá = Espellere. Sbrutà foeua: espellere le tossine.
Sbucascion ó = Sboccato, dal linguaggio volgare
Sbudelaa ü..áa = Gioco di bambini: si riempivano le budella animali con dell’acqua e ci si rincorreva per farle scoppiare addosso.
Sbugeta á = Butterato, bucherellato. Un tempo era riferito anche a persone colpite dal vaiolo
Sbulugna á = Rifilare, disfarsi di qualcosa appioppandola ad altri.
Sburdegassi = Sporcarsi. Vedi: burdega á.
Sburgna á = Sbirciare. Guardare con occhi socchiusi. Vedi: sborgna á.
Sburlunassi á = Arrotolarsi (su un prato, nel fango ecc.).
Sbusa üsá = V.: Bucare, forare. Agg: Bucare,-ato.
Sbuseca ü..á = V.: Sbudellare; agg: sbudellato
Sbuseta ü..á = Bucherellare.
Sbuti í = Sbocciare.
Scaa áa (a) = Scala
Scaasempia áa = Scala a pioli usata per raggiungere i soppalchi
Scadi á = Scadere.
Scadu ü = Scaduto
Scaega gá = Scaricare.
Scaen é = Scalino.
Scaetu é = Scaletta a pioli, più larga in basso, a vari usi fra cui la raccolta dalle piante o per salire su bassi soppalchi o per far salire le galline sulle stanghe.
Scaezza zà = 1) Lussato. 2) Spettinato
Scagetu è = Forte spavento improvviso
Scagia iá = Cagliare, coagulare.
Scagia cà = Paura improvvisa. Anche scagiu o sgagia.
Scagi á = Quasi. Vd.: asquasi e scasi.
Scagiu = Spavento.
Scagn á = Scanno. Sedile. Dal lat. scamnum.
Scagnel è = 1) Sgabello, predellino a tre gambe. 2) Cuoio ricavato dalla parte dorsale 3) Taglio di carne bovina del posteriore, vicino alla coscia
Scainaa áa = Scalinata.
Scalavrina í = Beccafico.
Scalcagna gná = Maltrattato. Trascurato, mal ridotto
Scaldina í = Contenitore per acqua calda per scaldare il letto. Vd.: Prédi.
Scalfarotu ó = Calza da uomo in genere ma soprattutto in lana fatte a uncinetto 2) Bicchiere capiente di vino
Scalfen é = Fondo della calza da uomo, lavorato a maglia.
Scalman mán = 1) Vampate di calore che hanno le donne in menopausa. 2) Plurale di "scalmana": fulmini
Scalmana má = Lampi temporaleschi. Vedi losna ó.
Scalmanassi ná = Agitarsi, arrabbiarsi.
Scalmana ná = Agitato, irrequieto
Scalossi ò = Persone o animali troppo magri. Vedi anche calossi ò.
Scalussenta ssé: = Sconnessa, piena di buche (riferito a strada)
Scancela lá = Cancellare.
Scanchigna gná = 1) Barcollare. 2) Abbandonare la retta via. Vd. Anche: schinchigna á.
Scapa pá = Scappare
Scapio ö = Riferito a persona che non riesce mai a strare a casa
Scapuscia ü = Inciampo. Anche: scapusciu pü
Scara rá = Crollare
Scarca cá (à) = Espettorare. Scaracchiare. Scatarrare. Scarcaa áa: scaracchiata.
Scardassi = Scardassi (strumenti per garzare e cardare in tessitura)
Scarla lá = Razzolare, frugare.
Scarlarudu rü = Stercoraro, fruga immondizie
Scarlatarudu rü. = vedi: Scarlarudu
Scarliga gá = Scivolare. Anche schirliga á. Scarliga via = defilarsi
Scarogna ò = Sfortuna.
Scaron ó = Fusto secco (ceppo) della pianta di granoturco rasa al piede. Fusti secchi del granoturco. A Borsano maagasci gá,
Scarpa pá = Strappare. Divellere.
Scarpaa áa = 1) Strappata, divelta. 2) Scarpata (colpo con le scarpe). 3) Scarpata (pendio scosceso)
Scarpen~ = 1) Piccolo strappo. 2) Piccola scarpa.
Scarpi = 1) Scarpe. 2) Strappi. Vedi anche: pantoful ó e zibreti è.
Scarpeti é, = Scarpette
Scarpu = Strappo
Scarsela è = Tasca interna. La tasca esterna è la sacogia ó.
Scarseladua ù = Tascone a retrospalla dei cacciatori.
Scarsu = Scarso. Che vale poco
Scartapazzi (z) = Scartafacci. Incartamenti. Cartafacci.
Scartofia ò = Carta, documento di nessun valore.
Scartozzu ózu = 1) Cartoccio. 2) In senso figurato: riformato alla leva militare.
Scarugna gná = Sfortunato.
Scassa sá = 1) Cancellare, depennare 2) Rompere
Scartagia giá = Cardare. Così a Borsano. A Busto il vecchio scardazza zá, poi mutatosi in: carda dá
Scatula = Scatola.
Scavalca-fossi ò = Farabutto.
Scavalca-prosi ö = Uomo (ma anche donna !) che cerca avventure amorose in casa d’altri.
Scavezza zá = 1) Scompigliare. 2) Togliere la cavezza. 3) Agg: Spettinato.
Scavion ó = Scarmigliato. Pl.scaviuni ú.
Scazzusu zú = 1) Scizzinoso 2) Permaloso
Scefoi ö = Autista d'auto
Scena è = 1) Cena 2) Scena. Vedi: Sciana
Scena è = Spacco di legna da ardere
Scendaatu aá = Abitante del quartiere di S. Giovanni (dediti anticamente alla lavorazione del ferro, quindi sempre pieni di fuliggine)
Scendra è = Cenere
Scendragnoa ö = Cenerentola.
Scenen én = Cenino. A Sacconago e Borsano: scianen é.
Scepa á (à) = Spaccare, rompere. Vedi: sgiguta á, sghia ïá, strascia iá, snenza á
Scepi è = Alzate del telaio jaquard.
Scepu è = 1) Cespo. 2) Ceppo. Vedi anche scio ïö´. Come ceppo è più usato sciocu ó.
Scerme mè = Fermaglio. Vedi: germel èl.
Scerna è = Scelta. Vedi: scerni í.
Scernenga = Erba infestante.
Scerneta nè (é) = Fior fiore. Di prima scelta. Bellissima, di prima qualità.
Scerni í = Scegliere
Scesa é = Siepe
Scessu è = Desiderio incontenibile di una determinata cosa. Vale anche per vicolo.
S-cetu è = Schietto.
S-ceui ú = Chiarore. Anche s-ciaui ú. S-ciaozzu ó: chiarore tenue.
Schea é = Scheggia.
Schena è = Schiena.
Schilo ó Schileu = Calotta. Basco.
Schinchigna á = Sgangherato. Vedi scanchigna gná.
Schirligaa áa = Scivolata.
Schirpa = Corredo della sposa.
Schisceta è = Bozzolo incompiuto. Mezzo aborto. Gavetta tonda, bassa, con manico articolato.
Schiscia á = Schiacciare,-ato.
Schisciu chí = Stare segreto. Non palesare quel che si sà. Non immischiarsi nelle faccende altrui.
Schitabogiu ó (schittabeugiu) = Scarafaggio. A Sacconago: gaasgia aá.
Schitafogu ö (Scittafeugu) = Rivoltella.
Schitio ö Schittieu = Tubetto di bambú, per lanciare a pressione d’aria pallottoline di stoppa o di carta.
Sci ì = Così. Inscì e inscià = così e cosà, in questo e in quell’altro modo.
Scia Scija = Cera. Sciatu ïá: venditore di cera.
Scia á Scià chilò = Qui. Si usa solamente come comando e vuol dire: vieni qua.
Sciabal iá = Storpio. Gambe storte. Deformato nelle gambe.
S-ciaca cá = Sbattere. S-ciaca cá in facia: sbatterglielo in faccia.
Scial á = Scialle. Scialetu é: scialletto.
Scialon ó = Sbruffone. Millantatore.
Sciambola iá = Stato di euforia
Sciampa iá = Zampa. In senso figurato: mano allargata. Sciampen é zampino.
Sciampela lá = Racimolare.
Scianscia sciá = Supponenza. Ciancia. Scianscia ...iá: cianciare.
Scianscion ó = Millantatore. Spaccone.
S-ciaozzu ó S-ciaosu = Chiarore dell’alba. Luce tenue. Anche s-ciau ú. Sciaossu à: Albeggiare
Sciaraban bán = Carretto sgangherato.
Sciata foa tà- ö = Farla fuori.
Sciatara iá = Femmina del rospo.
Sciaton ó = Grosso rospo. Arruffone. Ingordo.
Sciatu á = Rospo. Sciaten é: vezzeggiativo per: bambino piccolo.
Sciavata vá = Ciabatta. Borsano: zavata vá.
Sciavaton ó = Millantatore. Uno che si dà grandi arie di riccone sciavatel è Sciavata tá grandeggiare.
Scieretu rè = Carretella. Carrozza a due posti. Anche sciaretu è.
Sciesa ïé Sciesa = Ciliegia. A Borsano: sciresa é.
Scigaa áa = Cicala.
Scighea é = Foschia. Nebbia leggera. Nebbia fitta ed umida.
Scighiti ghí = Escrementi dei conigli. Sciisi iì Sterco dei conigli.
Scigiar cí = Ceci.
Scignon ó = L’annodamento dei capelli dietro la nuca. Sacconago: pilucu lü
Scigua ú = Cipolla. Vedi: scigula ú. Sciguatu á Venditore di cipolle.
Scigueta è = Civetta. Scigueton ó maschio della civetta. Menagramo.
Scigui ù = Senso dell’orientamento. Vale anche per “testa”.
Sciloia ò = Aratro.
Scima ì = Cima.
Scimas í = Idea improvvisa.
Scimessu è = Spanna misurata con il pollice teso e con il pugno chiuso.
Scimiotu ó = Scimmiotto. Indica uno di poco cervello e fisicamente dall’aspetto rozzo.
Scimussa ú = Cimossa.
Scimuston ó = Tronco mozzo e contorto. Anche: scimustocu ò.
S-cinca á = Spaccare a posta una cosa fragile.
Scinfa á = Sgridare violentemente.
Sciniela è = Cervello. Detto anche in senso spregiativo.
Scio ïö Scieu ï = Cespo. Germoglio. Bastardi dei pomodori ecc.
Scioca ó = Bottiglia.
Sciocuo ó = Ciocco da ardere. Sciuchiti chí: piccoli ceppi.
Scioltu ó = Prosciolto.
Sciopu ó = Schioppo.
S-ciosu ó = Bagliore accecante. Riverbero solare.
Sciotu ïó = Cerotto. Cataplasma.
Sciotu ó = Fece a pagnotta.
Scisci ...í = Mobile da camera con specchio.
Sciscia á = Succhiare. Anche sciuscia e suscia.
Sciscia scí = Ciccia.
Scisciabuel è = Persone legate da affetto o da strettissimo interesse, così da renderli inseparabili
Sciterna è = Cisterna. Scisternen én Pozzetto.
Sciua ú-úi = Ricca,-o. Signora,-e. Sciueta è: donna benestante. A sciuaia áia: i signori.
Sciuazza uá = Riccona dell’ultima ora.
Sciuchetu è = Piccolo ciocco. Ragazzo ben piantato.
S-ciuda á = Schiodare
Sciueti è = Papaveri. Rosolacci. In senso figurativo: fallofore. A Borsano: populon ó
Sciui ù (u) = Signore. Uomo ricco. Sciuron ó Riccone.
Sciuissi uì = Salsicce con molti aromi.
S-ciupa á Sciupa à = Scoppiare.
Sciupetaa áa = Fucilata.
Sciupioa ö = Varicella.
S-ciupon ó = Grosso escremento.
Sciuscia ü..á = Succhiare. sciscia á e suscia ü..á.
Sciuscion ü..ó = Tettarella. Anche sciscion ó.
Sciuston ü..ó = Torsolo. Anche sciston ó o ciston ó.
Sciustu ciú = Tutolo. Frusto in senso figurato: niente.
Scoa ö Scoeua = Scuola. Scöa rumána: scuola elementare.
Scoca ò = Altalena. Posto a sedere nei carri.
Scochi ò = Corbellerie. Inezie.
Scodi ö Scoeudi = Far passare (a malapena). Riscuotere. Anche soddisfare.
Scoeui = Scoglio. Scogli.
Scoldaleciu è = Scaldaletto. Vedi predi é e scaldina í.
Scondi ó,-dasi = Nascondere,-ersi.
Scorba ò = Corba. Cesto. Scurben é: cestello.
Scoria ö = Frusta dei vetturini.
Scorza ò = Buccia grossa. Corteccia.
Scossu ó = Grembo. Bordo. Davanzale. Stipite.
Screanza è. zà = Maleducato
Scremunti í = Scolorito. A Borsano stramunti í.
Scriciua ü = Scrittura. Scrii íi Scrivere. Scrivanti á Scritturale.
Scrocu ó = Furbacchione. Scrocco. Furbo. Scruca á Scroccare.
Scrusciassi ü = Piegarsi. incrusciassi ü..á.
Scua ú = Scopa. Scuen eñ. Scua á Scopare. Scuadua ü Scopatura. Immondizie.
Scuasciu üá = Scuraccio. Tempo molto scuro.
Scue é = Scopino, spazzino. Scuadui ù Spazzino comunale.
Scuentu üé = Dicesi del tempo che si oscura.
Scufia ü = Cuffia. Paraorecchi per i cavalli.
Scui üí = Scurire.
Sculari á = Erano così chiamati gli appartenenti alle Confraternite o Scuole di Carità.
Sculcion ó = Stoppie. Scolzone. Pianta di melgone recisa al piede.
Sculciunea é = Scorzonera.
Sculda á = Scaldare,-ato. Sculdassi á Scaldarsi. Riscaldarsi.
Sculdamentu é = Stato di confusione mentale derivante da preoccupazione, da problemi.
Sculdozi ò = Afa Indica anche i brividi di freddo per malessere dopo aver sudato.
Sculta á = Ascoltare.
Scuma ü = Schiuma.
Scumbati á = Combattere. Discutere in contraddittorio.
Scumozzu ü..ò = Bava alla bocca
Scundu ü, -üa = Nascosto,-a
Scunfondi ó = Confondere.
Scunsula á = Triste. Sconsolato.
Scuozzu üò = Ombra indistinta.
Scupazza pá = Cravatta. Scupazzen é: cravatta a farfallino.
Scupel è = Accesso dalle strade di campagna ai singoli campi. Anche scalpello.
Scurata tá = Scorrazzare.
Scurbatu á = Corvo.
Scurbelusciu lü = Massa di cappelli arruffati.
Scurenza è = Corsa in volata.
Scurla á = Scuotere. Scosso. Scurlaa áa: scrollata.
Scurpion ó = Scorpione. In senso figurato: uno con i capelli scarmigliati.
Scurta á = Dicesi di persona facoltosa che à una buona scorta di denaro.
Scurta üá = Accorciare.
Scusa ü = Scusa.
Scusa üsá = Scusare. Fare senza. Fare il padrino.
Scuscienza é = Coscienza.
Scussa á = Grembiale. Scossale. Grembiule.
Scutadua dü = Scottatura.
Scuton ó = Colpo di sole, di siccità.
Scuu üu = Oscuro. Scuro.
Scuzi üzí = Fissare avidamente e insistentemente lo sguardo su qualcosa che si desidera.
Sderena á = Con le reni tutte indolenzite.
Se é = Aceto.
Seca á = Seccare. Scocciare. Secadua ü: seccatura.
Secaperde dé = Noioso. Rompiscatole. Seccatore. Secabal á: idem.
Secatoi ò = Essiccatoio. Seccatore.
Secudi í = Scuotere, agitare.
Secundina í = Placenta.
Seda é = Seta.
Sedazzu á = Setaccio, fatto di setole. Vuol dire anche: grosso posteriore.
Sega á = Segare (con la falce).
Seghezzu ghè = Uomo di poco valore e di aspetto insignificante, con le gambe storte.
Segia è = Secchia di legno. Segion ó Grande secchio di legno per il bucato
Segn è = Segno. Indicazione. Segna á (à): segnare,-ato.
Segon ó = Sega lunga per tagliare le piante.
Segondu ó = Secondo. Conforme.
Segra é = Segale.
Seguen è = Falcetto.
Seibel bèl = Uva di prima maturazione (prima della fine d’agosto).
Sela è = Sella. Ascella.
Selar è = Sedano. A Borsano selas è.
Selbell = Settebello.
Selvadigu á,-ghi = Selvatico,i.
Selvascia vá = Selvaccia. Bosco fitto.
Semaa áa = Bevanda a base di mandorle.
Semafunu á = Semaforo.
Sembia é = Scimmia.
Sembion ó = Scimmione. Finto tonto. Sembien én: si dice di un bambino minuto.
Sembramentu mé = Assembramento.
Sempar = Sempre. A Borsano anche: sempu.
Sen é = Seno.
Sensaia í = Mediazione.
Sensu = Turbamento.
Sentenzi = Sentenze. A Borsano: santenzi.
Senti í = Sentire.
Sentui ú = Piena facoltà mentale. Percezione.
Senzabatesam té = Bestemmiatore incallito e triviale.
Senzatimui ú = Sfacciato. Impertinente.
Sera á = Chiudere. Chiuso. Sacconago: sara rá.
Sercion ó = Cerchione. Cerchio grosso.
Serciu é = Cerchio.
Servi í = Servire.
Setaa áa = Crollo (morale, finanziario).
Setacu è..ü = Caduta all’indietro con battuta del sedere sul suolo.
Setassi = Sedersi.
Seti è = Sette.
Setima è = Broncopolmonite fulminante.
Seton ó = Posizione seduta. .
Sfalza à = Essere non adatto, non abbinarsi.
Sfeenti eé = Che sfocia, che si immette.
Sfia á = Sfilare.
Sfogu ö = Sfogo. Allergia.
Sfragel è = Flagello. Devastazione.
Sfregi í = Raffreddare (soprattutto in senso figurato). .
Sfreguia üiá = Ridurre a briciole. V. fregui ü. Sfragua üà. Sbricciolare.
Sfrisi sì = Felci.
Sfrisu í = Sfriso.
Sfrizzi = Brividi. Leggeri dolori vaganti.
Sfronza ó = Ramo del gelso per eccellenza.
Sfrosibricol òl = Contrabbandiere.
Sfrosu ò = Frode.
Sfrunzen é = Tirasassi. Fionda.
Sfrunzon ó = Donna prosperosa.
Sfrusa á = Frodare.
Sfrusadui dúi = Uno che froda. Contrabbandiere. Frodatore del dazio
Sfuia á = Sfogliare. A Borsano si usa come dislua á
Sfuiata tá = Tremolare delle foglie.
Sfulcen é Sfulciti cì = Sotterfugio.
Sfuragia giá = Far scomparire senza lasciar tracce.
Sfurcela è = Forcella.
Sgagna gná = Mangiare avidamente a morsi addentando con i denti laterali.
Sgagnuta tá = È lo sgagna gná a piccole dosi.
Sgaiusa ú = Fame prolungata.
Sgamela lá = Lavorare sodo.
Sganascia sciá = Sghignazzare.
Sganasson ó = Manrovescio.
Sgangi = Stampelle.
Sganzerla è = Uomo o donna con gambe molto lunghe. A Borsano sgarzela è.
Sgara rá = Commettere qualcosa di illecito rispetto alle usanze della comunità.
Sgarata tá = Sciantare,-ato.
Sgarbela lá = Scippare. Graffiare. In senso figurato: rubare con destrezza.
Sgarela lá = Sgangherato. Dinoccolato.
Sgargela è = Cosa scassatissima.
Sgari í = Gridare terrorizzato (sentendosi in trappola). Strillare.
Sgarissi rí = Essere sgargiante.
Sgarzen é = Piccolo raschiatoio.
Sgarzuen é = Lucherino. Donna minuta ma bella e tutto pepe.
Sgavascia iá = Ridere a due ganasce.
Sgaveszassi = Rompersi. Slogarsi.
Sgeche é = Giacca. Sgecheteñ giacchettino, Sgiacheton ó: giaccone.
Sgefaa áa = Schiaffo. Ceffone. A Borsano: sgiafaa áa
Sghea é = Discriminatura dei capelli. Taglio dei capelli a scriminatura .
Sghia ïá = Lacerare. Strappare con violenza.
Sghiagossu ò = Colui che urla tenendo le mani in tasca, per far capire che le sue non sono che parole.
Sghisi sí = Scorgere. Intravedere. Avvistare. Adocchiare. Sghisiamentu l’atto dell’adocchiare.
Sghitioa ö = Monopattino.
Sgiatera iá Sgiatara ià = Piattello rudimentale. Si usava per il gioco del “Mondo” Sasso appiattito.
S-giguta á = Rompere le gambe. Indica lo spezzare una cosa lunga e solida.
Sgnenca è = Indica il pezzo di pane strappato dal grosso boccone con una manata.
Sgnepa è = Beccaccino.
Sgolgia ò = Airone cenerino. In senso figurato: persona spettinata.
Sgorbiu ó = Sgorbio. Qualcosa di illeggibile.
Sgrabela lá = Graffiare. Fif.: rubare con destrezza. Sgrabelon ó: ladrone.
Sgrabela è = Ladruncola. Ossuta, scheletrita, che a toccarla graffia col suo ossame appuntito.
Sgrafigna gná = Impossessarsi con sotterfugio e con lestezza di roba altrui.
Sgragia iá = È il gracchiare dei corvi.
Sgrana ná = Sgranare.
Sgrandi í = Ingrandire.
Sgrazu á = Grappolo senza acini, graspo. Sgrazuen (eñ): piccolo grappolo d’uva,
Sgregiu é = Grezzo.
Sgrisui rí = Brividi.
Sgrizua á = Togliere i grizo ö (i bastardi) dalle viti.
Sgrubion ü.-ó = Grosso pettine da donna che serve per la prima disarruffatura dei capelli.
Sgrubiozzu ü..ó = Grumo di peluria di cotone che si forma dietro il pettine.
Sgrugnon ó = Pugno sul muso (grugno).
Sgua á = Volare.
Sguagni í Sgnagni ì = Strillare. Guaire.
Sguandalen é = Grembiule grembiulino degli antichi artigiani ed in particolar modo dei calzolai.
Sguangia uá = Donna di facili costumi.
Sguascia iá = Mangiare con ingordigia incredibile, mandato tutto subito in gola senza masticare.
Sguata tá = Svolazzare.
Sguate è = Aviatore,-i.
Sguersciu è = Orbo.
Sgugela ü..á = Lavorare con l’ago.
Sgugiata ü..tá = Lavorare ad ago per riparare, rimettere assieme.
Sgugura á = Bere avidamente.
Sguigna à = Verso della civetta.
Sgunfia á = Gonfiare. Sgunfion ó: cacciaballe.
Sgunfiotu ó = Peperone rotondo e lungo.
Sgurbia,-bi = Buccia,-ce secche dei piselli. Usato a Borsano.
Sguriaa áa = Spruzzatina di aceto, di latte. Sorso.
Sgurlea é = Smagliatura. Vedi scurlea é.
Sgussa ü..á = Sgusciare.
Sia í = Sera.
Sibia sí = Sia (congiuntivo presente di essere) Ch’al síbia ‘ndèi: che sia andato.
Siche è = Cosicché. Siche é donca ó: usatissimo per: dunque.
Sicuadui ü..ú = Assicuratore.
Sidela è = Secchio di metallo Si usa anche sidel è. Sidelen lén: secchiello.
Sidia á = Ridotto allo stremo per denutrizione. Smagrito. Ridotto pelle e ossa.
Sidiamentu è = Indebolimento. Languore.
Signui ú = Nostro Signore Gesù Cristo Iddio.
Siguia ü Sigua ü = Scure lunga per la legna. Siguen (üeñ): accetta (anche suguen üé).
Siguta ütá = Seguitare. Continuare, insistere Anche suta ütá. Süta nón a menála.
Siguu üu, -úa = Sicuro,-a. Sigua!: sicuro, proprio, è così!
Silabai bái = Sillabario.
Simenti tí = Intontito Cretino. Vedi dissimenti tí. Anche insimenti tí
Simighezzu è = Pallido, scarso. scarno Consunto dal vizio. Vedi: ghezu è.
Simona ò = Grossa trottola. In senso figurato: donna bugiarda e piena di moine.
Sinaa àa = Quantità contenuta nel grembiule che usavano le donne tenendolo sollevato in alto.
Sinagu á = Sacconago.
Sinceu è = Sincero.
Sinel è = Cappello a tuba.
Sisen è = Monetina da due centesimi. Pr.: sisegn é.
Sissi Sí = Al sissi í: fosse anche sarebbe.
Sistenti è = Assistente
Sitiu tí = Sottile. Má sitíu: tubercolosi.
Situ í = Luogo. Sito. Posto.
Slambroza = Scapigliata.
Slambrozza ò = Sgonnellatrice. Equivalente a sguangia án.
Slandron ó = Bighellone. Donnaiolo di bassa lega.
Slapagia giá = Sparlare. Slapagion ó: sguaiato (nel parlare e nel mangiare).
Slarga gá = Allargare.
Slavadenci é = Manrovescio.
Slavagia giá = Slavato, sbiadito.
Slegna è = Filoso (si dice della carne non frolla). A l’è slègna: è carne legnosa.
Slenguata tá = Parlare a vanvera. Pettegolare.
Slepa è = Grossa fetta (di pane, ecc.). Schiaffo. Porzione.
Slibea á = Liberare. O dislibea á. A t’he slibeá ul stomugu.
Sliga á = Sfilacciare. Logorare.
Sloia ò = Fiacchezza. Fiaccheria. Pigrizia.
Slonza ó = Lombo di maiale.
Sluazza uá = Donna di facili costumi.
Sludra ü..á = Smidollato. Smidollare. Vedi: ludria ü.
Slunga á = Allungare. Allungato.
Slunzassi á = Sgranchirsi. Distendere i lombi.
Smagia smá = Macchia. Smagia iá: macchiare, macchiato.
Smaizia iá = Smaliziato.
Smalvazassi zá = Strapazzarsi. Agitarsi (nelle preoccupazioni).
Smangia iá = Corrodere,-oso. Consumare,-ato. Smangiassi giá: rodersi dalla rabbia.
Smanzen é = Mancino.
Smargiassu giá = Millantatore.
Smenzu é = Smilzo. Magro in viso, ma sano.
Smergaiaa áa = Sputo denso di catarro. O: smargaiaa áa.
Smescia á = Mescolare.
Smircia á = Adocchiare con simpatia. Ammiccare. O: smicia á.
Smorbiu ò = Lussureggiante, rigoglioso (vegetale). Allegro, burlone.
Smortu ó = Pallido. Smurton ó: cadaverico.
Smurfiusu fiú = Smorfioso.
Smurza á = Spegnere (la luce).
Snenza = Non più intera. Già intaccata.
So ó = Suo: Suoi: Sue. Sua ú: sua. Al’è sül só: è sulla sua proprietà.
Soca ò = Sottana lunga.
Sogn ò = Sogno,-i Insugnassi á: sognare. Gratasogn ò: uno che ruba i sogni
Soia ò = So. Usato nella forma: s’an sòia men!: cosa ne dici?
Soia ö = Soglia.
Soliu ò = Liscio. Levigato. Senza difficoltà. Scorrevole.
Son ó = Suono.
Sorta ò-ti = Caso. Assortimenti, specie, tipi.
Sossoia sòia = Che ne so. Da: s’an soia ò men, cosa ne so.
Soturnu tü = Triste, cupo e malinconico.
Spadon ó = Giaggiolo.
Spagnon ó = Grande e pomposo. Spagnulen é: attillato.
Spai í = Sparire.
Spana pá = Spanna.
Spantega gá = Spandere. Spargere, sparso (liquido). Spargere del solido è: sparpaia iá.
Spargessu è = Aspersorio.
Spargi á = Asparagi.
Spargina í = Asparago selvatico.
Spargiotu ò = Ragazza prosperosa. Il maschio è uno spargiutón
Spargiudica ü..á = Spregiudicato. Uomo senza legge ne fede.
Sparluscia ü = Donna scarmigliata. Ragazza dai capelli arruffati.
Sparmia á = Risparmiare,-ato.
Sparpaia iá = Sparpagliare, ato (solidi). Liquidi: spantega gá.
Sparti í = Dividere.
Spassassi sá = Spassarsela.
Spassegiaa áa = Passeggiata.
Spazza zá = Sgomberare. Ripulire. Rimuovere.
Spazzaca cá = Solaio chiuso. Il solaio aperto è la lobia ò.
Spazzacamen è = Spazzacamino.
Spazzapule è = Ladro di galline.
Spazzen è = Netturbino.
Spazzeta è = Spazzola. Spazzeta á : spazzolare.
Spea á = Sperare. Sparare. Spellare. Spelare. Ul speasassi sá: il tirasassi (Sacconago).
Specia à = Aspettare,-ato. Attendere. A Sacconago: spicia á. A Busto specia á e spicia á
Spegasciu = Sgorbio.
Spegiu è = Specchio. Spegiasi Specchiarsi.
Speluca ücá = Speculare. E. Crespi: spennare. Mungere estorcere denaro a qualcuno.
Spendi è = Spendere. Spendi é e spandi: sperperare.
Speon ó = Sperone.
Sperla è = Raggio di sole.
Spernascia iá = Dicesi delle galline che sparpagliano con le zampe i chicchi di grano dati per cibo.
Spesi è = E. C. Folti, fitti, densi: - anche di notevole spessore.
Spetascia iá = Schiacciato. Ridotto in poltiglia.
Spetasciu = Catastrofe in senso generico; qualcosa che lascia attoniti. Sfacelo.
Spezzam á = Moneta spicciola.
Spezzasisiti íti = Minuzioso, meticoloso, esoso fino all’ultimo centesimo.
Spienta á = Ridotto in miseria.
Spignata tá = È l’attività della massaia in cucina.
Spilorciu ó = Taccagno.
Spinazzi á = Spinaci.
Spincen é = Giovanotto bello ed elegante. Giovane che desta simpatia
Spinotu ó = Tappo a spina per le botti.
Spion ó = Spione.
Spitigua á pizigua à = Scivolare sul ghiaccio per diletto. Esercizio ambito dai ragazzi.
Spizzie é = Farmacista Spezziale. Meticoloso..
Spongi ó = Pungere. Spungiua üa: puntura. Spungion ó: qualcosa che punge.
Spotigu ó = Libero. Senza vincoli. Arbitro di se stesso e delle proprie azioni. Spontaneo.
Spranga á = Sprangare.
Spremuela üè = Spagnoletta delle serrature. Nottola. Vedi: gatel è.
Sprufunda á = Sprofondare. Sacconago: sprafunda á
Spua ü = Sputa. Sputo. Spuda üdá Sputare. Sputato. .
Spuel üèl = Falso allarme. Esagerata importanza per una cosa da nulla.
Spuenta á = Spaventare,-ato. Agitato, esaltato. Sacconago: spuanta tá. (V. stremi í.)
Spuentapassar = Spaventapasseri. Anche in senso figurato, agitato e scarmigliato.
Spuentuscia tü,-u = Spaventata,-o.
Spuleta è = Spoletta.
Spulveren én = Soprabito leggero. Anche la tela impermeabile che si metteva sulle ante scoperte.
Spunga á = Pungolare.
Spungignentu = Pungente.
Spunta á = Smuovere. Apparire all’improvviso. L
Spunton ó = Pungolo. Getto delle piante. Germoglio
Spurgenza = Sporgente. Proposta. Avance. Seno esuberante,
Spurscelentu lé = Sudicio moralmente.
Spurtina í = Borsa di vimini o paglia a due manici per la spesa.
Spurtineta è = Così era chiamato il negozio di merceria e la merciaia.
Spusa ú = Sposa.
Spusassi á = Sposarsi. Sposare, più usato meti è su ü ca á
Spuzza ü..á = Puzzare. Spüzzuléntu Puzzolente
Spuzzeta ü..è = Ragazzina che si da arie.
Squasi = Quasi. Anche asquasi uá (v.) e scasi á (v.). Quas’squasi: quasi quasi.
Squatara rá = Avere una forte diarrea,
Srai í = Diradare.
Sta á = Stare. Sta lì: fermati lì.
Stabiel è = Porcile. Enrico Cresspi: Stabièl – stabbiolo – porcile – piccolo ecinto.
Stablimentu é = Stabilimento.
Stacheta è = Chiodo
Stadea é = Bilancia portatile ad un piatto.
Stafinia ní = Piatto largo di legno per mondare il riso.
Stagia tá = Staggia. Regolo dalle 4 alle 6 braccia, per misurare alla grossa.
Stagn á = Sodo. M’a l’è stágna!: come è soda.
Stal à = Corte. Cortile. Staleta è: piccolo cortile Stalasciu lá: corte vivevano 8-10 famiglie.
Stala tà = Stalla.
Stamegna è = Avaro. Tirchio. Sparagnino. Stamègne tele cerate che si mettevano al posto dei vetri.
Stampa pá = Stampare.
Stanga tá = Pertica. Stanga dei carri ecc.
Stangon ó = Lungo come una stanga. Lazzarone.
Stanta ntá = Stentare. Usato anche stenta á
Stantio ö = Stenterello. Girello.
Stantiu í = Stantio. Invecchiato (si dice di un alimento non più fresco).
Stantu = Istante. Nell’istante. E. Cre. Stantà = stentare, fare fatica trovare difficoltà.
Stanzon ó = Stanzone. Stanzunel è: stanzone piccolo.
Starlon ó = Grossolano e poltrone. Sciupone, dissipatore.
Statu = Vèss in statu, essere in condizione.
Ste é = Staio (misura agricola di peso per il grano uguale a 20 Kg).
Stea é = Bilancia portatile a un piatto. Anche stadea é.
Stecaa áa = Steccato. Nota stonata. Colpo mancato nel gioco del biliardo.
Stecu è = Stuzzicadenti.
Stela è = Stella. Persona gentile. In senso figurato: uomo scaltro, che sa rendersi prezioso.
Sterzon ó = Persona che cammina storto e pare voglia sempre svoltare e non lo fa mai.
Stima á = Stimare. Valutare.
Stimanzon ó = Uno che si veste con ricercatezza per farsi ammirare; per amore di distinzione.
Stinagu á = Località di Busto (v. S.Pellico), dove si scioglievano i funerali dei sciüi con 7 preti.
Stocu ó = Blocco di legno per sostenere. Stock, partita in svendita.
Stomagu ó = Stomaco. Anche stómugu e stómigu.
Stopu ó = Otturato.
Storgi ò = Stortare. A ta stòrgiu tütu: ti storto tutto.
Stortacol còl = Torcicollo.
Straa áa = Strada. Straela è strada di campagna. Straferáa ferrovia. Straelöa stradicciola
Straaca cá = Rovesciare. Vedi stravaca cá.
Strabalzu = Traballamento, determinato da una scossa o da un inciampo.
Strabufa fá = Sbuffante per una corsa fatta.
Strabutassi ütá = Spintonarsi.
Strachezza è = Stanchezza.
Stracol ò = Nodo scorsoio che si faceva con la corda per tagliarla con un colpo della mano.
Stracotu ó = Stracotto.
Stracu = Stanco.
Stracunta ü..á = Esterrefatto.
Strafa fá = Strafare.
Straferaa = Ferrovia.
Strafui ú = Pasticcione. Azzeccagarbugli. Strafuion ó: arruffone.
Strafunzen é = Frustino di spago per il gioco del calimon. Spago sottile. Rafforzino.
Strafusai üsá = Quantità di cose di nessun valore. Impiastro per le malattie immaginarie.
Strageié = Strage di messi causata dalla tempesta.
Stragia iá = Spettinare,-ato. Scapigliare. Scapigliato. Scarmigliare,-ato.
Stram = Strame.
Stramazzu má = Arnese per pesca di frodo, rete a sacco trattenuta da un telaio che fa da mboccatura.
Stramba bá = Slogare. Slogato. Strambadua ü: slogatura.
Stramena ná = Indica lo sparpagliare il liquame organico nella campagna.
Strampela lá = Sgangherato- ata Stravagante.
Stramusciu mü = Cosettino da niente. Scopatura di stramaglie. In senso figurato: striminzito
Strangua uá = Strangolare,-ato.
Stranguafia ú..á = Balbuziente al massimo grado; all’estremo.
Stranguapiciarliti ú..lí = Donna di malaffare.
Stranguapredi ú..é = Polpette di cavolo avvolte con il filo (réfu).
Stranguen é = Cravatta a nodo.
Stranguia iá = Ingozzare,-ato.
Stranguon ó = Boccone difficile da inghiottire (un fatto difficile da accettare).
Straniu = Estraneo. Persona che non si conosce.
Stranudi üdí Strenudì = Starnutire. E. Cre. Starnudi üdì
Strapela lá = Ridotto a zero.
Strasce é = Cenciaiolo. Raccoglitore e venditore di stracci.
Strascia iá = Stracciare,-ato.
Strascianvaca vá = Tarassaco o insalata matta. Insalata selvatica.
Strasciapata = Vinello diuretico. Vino bruschetu è ottenuto dall’uva clinto, molto leggero.
Strasciu á = Straccio. Cosa di poco valore. Strasci. Stracci.
Strassontu ó = Estratto conto. Anche semplicemente: conto. Somma di un conto.
Strasua ú = Ora tarda. Straordinari di lavoro.
Strasurdan ú = Disordine.
Strasurdinai ái = Straordinari.
Strataia iá = Tagliuzzare.
Strategni í = Trattenere,-uto. Strategnissi gní: non cedere all’impulso della rabbia.
Stravaca cá = Rovesciare,-ato. In senso figurato: Vomitare frasi ripugnanti.
Stravachen é = Carretto ribaltabile di un metro cubo di capacità, per il trasporto della sabbia.
Stravasciaa áa = Caduta in avanti strisciando per terra. Misurar la strada col proprio corpo.
Straventu é = Folata di vento.
Stravisu í = Stupore. Ma fa stravìsu: Mi sorprende. Mi fa specie. Mi fa meraviglia.
Stremi í, -ía = Spaventato,-a. Borsano e Sacconago: strami í. Stremissi: spaventarsi.
Stremizzi = Spavento. A Borsano stramizzi mí. A Sacconago stramìzi
Strencioa ö = Strettoia (di sentiero, di passaggio).
Strenciu = Stretto.
Strenga é = Laccio da scarpe.
Strengi = Stringere.
Strepa á = Strappare,-ato. (figur.): spiantato. Sradicare. Strepaca cá: rovina famiglie.
Strepadenci dé = Dentista.
Strepi è dàa morti = Ultimi brividi.
Strepu è,-i = Strappo,-i. Strèpi da vómitu: conati di vomito.
Stria á = Striato (tessuto). Stregare,-ato. Striaa áa: stregoneria.
Stria í = Strega. I strii: le streghe. Anche: striozza ó.
Striaa áa = Stregoneria.
Strigazzoa ö = Averla minore (cinciallegra). In senso figurato: mingherlina e canterina.
Strigazzotu ó = Uccello rumoroso.
Stringimentu é = Senso di paura, di angoscia.
Strion ó = Stregone. Vale anche per veggente.
Striozzu ó = Stregoneccio. Fattura. I striozzi ó: le streghe Fa ul striózzu: fare la fattura
Striza ì = Minuscola particella di cosa commestibile.
Strizza á = Strizzare,-ato. Spremere il succo.
Stroliga ó = Zingara: Indovina. Fattucchiera. Sibilla.
Stroligu ó Strolugu = Indovino. Strolighi ó erano anche i salamini fatti di scarti di vario genere.
Strugia ü = Striglia.
Strui üí = Istruito. Anche cognitu ó.
Strupia ü..á = Storpiare,-ato. Strürpiá i paól: storpiare le parole.
Strupiu rü Strupin ü = Storpio. Enrico Crespi Sturpiu
Strupiuon üòn = Storpiatore.
Strusa ü = Era uno strascico in legno e rami di salice usato dai contadini per caezzá il campo.
Strusa üsá = Spartineve. Trascinare. Strisciare. Struson ü..ó: uomo randagio, girovago.
Struson ü..ó = Uno che gira cercando di ammazzare il tempo, facendolo perdere agli altri.
Strutu rü = Strutto.
Struzen ü..é Struzeñ = Strozzino.
Struziassi ü = Struggersi. Preoccuparsi.
Struzza ü..á = Strozzare. Strozzato.
Stu = Questo.
Stua ü = Stufa.
Stua üá = Stufato. E. Crespi. Che stuà la meti giù! che aria di importanza si dà! ; che sfarzo!
Stua = Quest’ora. Più corretto: st’ua. A stua: a quest’ora (Enrico Crespi).
Stubi ü = Disturbo di intestino dei bambini.
Stubia = Stoppia. Pl.: Stubi ú. A Borsano: stubi ü.
Studia ü..á = Studiare. A l’è dré stüdiá da fassi má: finirà per farsi male
Stuen üé = Recipiente in terracotta con coperchio per cuocere lentamente le carni
Stufi üfí = Stancare. Infastidire.
Stumaga gá = Stomacare.
Stumaghen é = Pezza da mettere sullo stomaco.
Stundeon ó = Millantatore.
Stupa = Stoppa. Stupen é: stoppino.
Stupa á = Turare. Otturare.
Stupidea ü..é = Usato in: gh’è sciupá a stüpidea, è scoppiata la “stupidera”.
Sturnel è = Stornello (che dà fastidio).
Sturni í = Assodare. Al m’ha sturní: mi ha reso sordo.
Sturnizzi ní = Fracasso che provoca sordità; insistente che provoca l’emicrania.
Sturnu = Sordo.
Sturtia á = Tirare torcendo.
Stuzia ü = Astuzia.
Su ú = Sole. balurdón colpo di sole. Rassu ú: arcobaleno. Strassu ú: tramonto infuocato.
Su ü = Su, sopra, in alto. Faghi sü a sùa: pettegolare su una persona.
Sua = Sua.
Sua á = Risuolare. Ò fèi suà i scarpi: ò fatto risuolare le scarpe. Suadua ü Risuolatura.
Suaa áa = Indica il sole (dopo il cattivo tempo) nei suoi benefici effetti di calore e di luce.
Suanom ò = Soprannomi.
Suapensei é = Sopra pensiero.
Suata tà = Sgonnellare. Ciabattare in cerca di avventure.
Suata uá = Verga ricavata da un rametto, usata come frusta per sollecitare le bestie.
Suataa á = Sferzata.
Suaton ó = Girovago sempre in “caccia”.
Suatona ò = Donna sempre in giro e mai a casa. Battifrusta. Fallofora.
Subatu ü = Subito.
Suciazion ó = Associazione.
Sucina ücí = Siccità.
Suciu sü = Asciutto.
Sucombri ó = Soccombere.
Suda üdá = Sudare. Sudato. Südà sut’aa lenga: chiaccherone scansafatiche.
Sudizon ü..ó = Soggezione.
Sudu üdú Südui = Sudore.
Suefa ü..á = Abituare,-ato A l’è süefá non: non è abituato. Suefassi ü..áAssuefarsi. Abituarsi.
Suel è = Mozzo che tiene fermo la ruota
Suela è = Sorella. I suei è: le sorelle. Suelascia lá Sorellastra.
Sufega á = Soffocare. Anche: zufega á. Sufigon ó Senso di soffocamento.
Sufistiga à = Cercare il pelo nell’uovo.
Sufistigu fí = Sofistico. Noioso. Cavilloso. Seccatore noioso che va a cercare il pelo nell’uovo
Sufitu = Soffitto. I vecchi dicevano: zufitu í..
Suga ügá = Asciugare. Süghèmala sü!: piantiamola di litigare e di discutere.
Sugaman ü.án = Asciugamano
Sugatoi ü..ò = Asciugatoio.
Sughetu è = Corda che si metteva al collo dei vitelli per tenerli legati.
Sugnan á = Sornione.
Sulassu á = Salasso.
Sulda á = Soldato.
Sulea á = Sollevato. Ma ti sé suleá!: come sei sollevato (su di giri)!
Sulia á = Lisciare. Vedi: soliu ó.
Sulpanscia pá = Sottopancia (cinghia per cavalli).
Sulvìa ü = Di sfroso.
Sum = Sono. A sum andéi: sono andato.
Sumea á = Assomigliare. I sumeaan aá: sembreranno, somiglieranno.
Sumea à-via = Presentare con artificio una cosa per un’altra.
Sumena á = Seminare. Seminato. A Sacconago: sumana ná.
Sumenza = Semente. Sumenzatu venditori di sementi. Sumenze zé: semenzaio.
Suna á = Suonare,-ato. A ti sé suná?: sei suonato (nel cervello)?
Sunadui ú = Suonatore. Stoccatore.
Sunel è = Zufolo. Fischietto. Sunèl da tri büsi: scocciatore.
Sunetu è = Sonetto. Discorso funebre.
Supa ü = Zuppa. Ga n’ho ‘na süpa!: ne ho una zuppa, sono stufo!
Supressa á = Stirare. Stirato. A Borsano: suprassa sá.
Supressaa áa = Cibo confezionato con ritagli di testa e di altre parti del maiale.
Supressu è = Ferro da stiro.
Sura á = Raffreddare.
Surba ü = Spugna. Assorbente. Bevitore smodato, che assorbe tutto il vino senza ubriacarsi.
Surbetu è = Sorbetto, gelato.
Sure é = Solaio. I vecchi dicevano spazzacá.
Suri í = Attonito. Meravigliato. Sorpreso. Intimorito.
Suria ïá = Lamentarsi e agitarsi nel sonno.
Suridi rí = Sorridere.
Surti í = Ben riuscito. Riuscire bene. Sorgere.
Surtu tú = Soprabito. A Borsano e Sacconago: sartu ú.
Suscia ü..á = Succhiare. Succhiato. Vedi: sciscia á e sciuscia ü..á.
Susma ü..á = Epilessia acuta. Malcaduco
Suspia ïá = Sospirare.
Sussuemen Sü..ü..én Sussuemegn ü ü mè = Che sò io. Non saprei dire come. Eccetera.
Sustu sü = Frustolo. Vedi: sciustu iü.
Suta = Sotto.
Sutanen é = Sottana.
Suteru ú = Antro. Anche seppellitore. A Sacconago: sataru ú.
Sutu sú = Sotto. Anche suta ú.
Suturnu tù = Nascosto. Cupo. Oscuro. .
Suvegni í = Rammentarsi.
Svaca cá = Stracciato (di prezzo).
Svanzica = Moneta.
Svea é = Macchinetta scaldavivande a petrolio.
Sveltu é = Svelto.
Sversa á = Contorcere,-orto.
Sverza = Niente. Cioè lo stesso di: cavolo. Al vái ‘na svérza: non vale niente.